Lo sappiamo, questa rubrica nasce come “Quattrocento passi in Puglia“, ma per una volta faremo un’eccezione, più che giustificata dallo splendore di questa località che si trova nella vicina Basilicata.

“Chiunque veda Matera non può non restarne colpito, tanto è espressiva e toccante la sua dolente bellezza.”
(Carlo Levi)

Matera è una delle città più antiche del mondo: è abitata infatti fin dal Paleolitico, è un posto dove gli uomini si sono adattati al territorio fin dalle loro origini.
L’attrazione più famosa in città sono sicuramente i Sassi, il nucleo urbano originario, sviluppatosi a partire dalle grotte naturali scavate nella roccia e successivamente modellate in strutture sempre più complesse all’interno di due grandi anfiteatri naturali che sono il Sasso Barisano e il Sasso Caveoso.

Il Sasso Barisano è il più ricco di portali scolpiti e fregi che ne nascondono il cuore sotterraneo. Il Sasso Caveoso, che guarda a sud, è disposto come un anfiteatro romano, con le case-grotte che scendono a gradoni, e prende forse il nome dalle cave e dai teatri classici. Al centro la Civita, sperone roccioso che separa i due Sassi, sulla cui sommità si trovano la Cattedrale ed i palazzi nobiliari. Insieme formano l’antico nucleo urbano di Matera, dichiarato dall’UNESCO paesaggio culturale.

Sasso Caveoso

Sasso Caveoso

sasso barisano

Sasso Barisano

 

Nel 1952 una legge speciale obbligò le famiglie ancora residenti in queste strutture a lasciare queste case, a causa delle cattive condizioni igienico-sanitarie. Questo è stato sicuramente un momento un po’ buio per la città, fino all’attuale recupero iniziato a partire dalla legge del 1986. Proprio grazie a questo prezioso e incessante recupero, la città ha ottenuto negli ultimi anni importantissimi riconoscimenti a livello internazionale, come nel 1993 l’inserimento nel Patrimonio dell’umanità dell’Unesco per l’unicità del suo contesto urbano e la designazione a Capitale europea della cultura per il 2019.

casa-grotta-5

Vi consigliamo una visita guidata nella “Casa-Grotta” per comprendere al meglio la struttura delle case, che si sono conservate negli anni con gli arredi interni ancora intatti e che vi faranno rivivere un’esperienza fuori dal tempo.

 

Oltre ai magnifici scorci offerti dai Sassi, basta fare un giro nel centro storico per incontrare le numerose Chiese, le piazze e i bellissimi palazzi signorili che adornano la cittadina e che oggi ospitano musei, biblioteche e il Conservatorio. Inoltre, nella piazza centrale Piazza Vittorio Veneto si trovano alcune aperture che mostrano il livello originario dei luoghi, oggi chiamati ipogei, che si trovano al di sotto della stessa piazza. Gli ipogei si articolano in continuità formando una vera e propria città sommersa connessa con i Sassi. Qui si trovano delle strutture rupestri eccezionali come la grande cisterna denominata Palombaro Lungo con pareti alte 15 metri.

Matera offre anche un suggestivo paesaggio naturale grazie alla gravina attorno alla quale si è sviluppata la città, un “canyon” scenografico che si può raggiungere attraverso un sentiero che parte nei pressi del convento di S. Lucia alla Civita, e che conduce fino a un piccolo lago detto “lo Jurio”, una delle più importanti riserve d’acqua nell’antichità. Le numerose grotte e le chiese rupestri che la circondano e fanno parte del Parco della Murgia Materana. Le chiese rupestri sono quasi 150 e tra le più visitate abbiamo la Chiesa di San Pietro Barisano situata nell’omonimo sasso, la Chiesa di Santa Lucia alle Malve e di Santa Maria de Idris.

Tenute D’Onghia consiglia:
Matera, come tutta la Basilicata, ha una cucina molto umile e semplice, ma che con la sua genuinità riesce a conquistarvi al primo assaggio. Da provare assolutamente: i piatti della tradizione contadina e pastorale come la Pignata a base di carne di pecora, verdure ed erbette cotte in una particolare pentola di terracotta nel forno a legna e la Capriata a base di tantissimi legumi, patate e grano. Esperienza imperdibile è riuscire a trovare nei sassi un panificio con il famosissimo pane di Matera IGP appena sfornato, ancora soffice e caldo. Esiste però un prodotto che troverete solamente qui e che vi darà dipendenza: ha un colore rosso inimitabile e un gusto croccante e appetitoso, i saporitissimi peperoni cruschi.

Dried-Peperoni-di-Senise