Festa della Bruna – 627^ Edizione (Matera, 2 luglio 2016)

https://www.tenutedonghia.it/wp-content/uploads/2016/06/Foto-30-06-16-10-51-13.jpg
Blog

 

Il 2 luglio di ogni anno, Matera celebra la secolare festa della Madonna della Bruna, protettrice della città. Si tratta di una festa che ha alle spalle più di seicento anni di storia, ricca di fascino e tradizioni che mischiano un po’ il sacro col profano.

Il tutto ha inizio con la processione “dei pastori” con la quale i quartieri antichi si svegliano alle prime luci dell’alba per salutare il Quadro della Vergine, il cui passaggio è annunciato dai botti pirotecnici. Intanto i cavalieri, scorta del carro processionale, si radunano lungo le vie e nei “vicinati”.

Come vuole la tradizione, la mattina del 2 luglio la statua della Madonna viene portata in processione sul carro trionfale tutto il pomeriggio lungo le strade principali gremite di gente, materani e turisti. Per il carro di Matera, che aveva le statue di legno fino alla metà del 1800 e poi sempre di cartapesta, la scena centrale riprodotta è ogni anno diversa.

In serata si arriva poi nel piazzale del Duomo dove si compiono i “tre giri”, simbolo di presa possesso della città da parte della Santa patrona. La statua viene poi deposta in Cattedrale.
Il carro viene quindi circondato dai “cavalieri” con cavalli bardati di fiori di carta e velluti, l’auriga incita i muli verso la piazza a poche centinaia di metri, per restituire alla folla ivi radunatasi il simbolo della festa. La festa può così giungere al suo culmine con lo spontaneo ed incontrollabile “straccio”, verso le ore 22,30,  sotto gli occhi incuriositi ed increduli di tutta la città.  Insolito ed unico è il rituale della distruzione del Carro Trionfale che ogni anno si ripete, dove ognuno cerca di afferrare una piccola immagine di cartapesta, un frammento, per conservarlo con devozione nella propria casa o nel  luogo di lavoro, o mostrarlo con fierezza agli amici.

Per maggiori informazioni, il sito ufficiale http://www.festadellabruna.it/